Cinici, indipendenti, ribelli: i gatti secondo Bukowski

di Redazione Il Libraio | 02.07.2016

"Sui gatti" aggiunge un tassello al racconto della vita di Charles Bukowski. Oltre ai mille lavori fatti per campare in attesa di riuscire a farcela come scrittore, alle infinite avventure con le donne, alle lunghe maratone alcoliche, alle corse dei cavalli, agli incontri di boxe, c'è un altro elemento costante nella vita dello scrittore: i gatti, compagni di vita, di sbronze, e di scrittura...


Di Charles Bukowski sappiamo che ha amato molto: le donne, l’alcol, i libri e la scrittura, il gioco d’azzardo… Elementi ricorrenti nei suoi racconti e nelle sue poesie. Nelle pagine di un nuovo libro  scopriamo un’altra passione del cantore del lato oscuro dell’America: i gatti.



Sui gatti (Guanda) attinge direttamente alla fonte dei manoscritti originali dell’autore, e racconta la vita selvatica di questo scrittore ormai di culto. Maestose e bellissime, le "piccole tigri" hanno sempre affascinato Bukowski, che con i gatti ha scelto di condividere l’esistenza, accogliendo tutti i randagi che si presentavano alla sua porta, lasciando che camminassero sui tasti della macchina da scrivere e che fossero testimoni compiaciuti delle sue sbronze e delle sue scorribande, letterarie e non.

bukowski-cat

Lo scrittore descrive i felini con ammirazione, come fieri combattenti, cacciatori spietati, maestri nell’arte della sopravvivenza, animali che sanno come dare e pretendere rispetto, senza mai tradire la loro vera natura: indipendente, ribelle e un po’ cinica, proprio come quella di Bukowski.

bukowski-gatti

LEGGI ANCHE – In arrivo 3 libri inediti di Bukowski: uno è dedicato agli amanti dei gatti


Fonte: www.illibraio.it


Commenti